Autoerotismo e relazioni

Come abbiamo sottolineato nell’articolo precedente, che trovate qui, masturbarsi è un’azione sana e ricca di svariati benefici, al contrario di ciò che sostengono un sacco di falsi miti. Moltissime persone si masturbano e approfondiscono così la conoscenza del proprio corpo, ma può capitare che sorgano dei dubbi in merito quando si entra in una relazione.

Da single, alcune persone vivono tranquillamente la propria attività masturbatoria, svolgendola senza pensarci due volte. Dal momento in cui, però, entra in scena un* partner – o più di un* – le cose possono cambiare. Alcun* cominciano a credere che farlo sia una mancanza di rispetto, una sostituzione, una delusione, a volte addirittura un tradimento. In realtà, è tutto l’opposto.

Facciamo un passo indietro: masturbarsi significa, in fin dei conti, creare un rapporto di amore, scoperta e piacere con se stess*, niente di più. Avere un rapporto sessuale con un’altra persona, invece, è totalmente diverso, dato che coinvolge un* partner al di fuori di noi e della dimensione individuale ed esclusiva del nostro corpo. Le due cose non devono escludersi a vicenda, possono anzi essere integrate senza alcun problema all’interno di una relazione, anche quelle di lunga data. Masturbarsi anche quando non si è più single è una pratica ugualmente sana e importante, e la presenza di uno o più partner non dovrebbe forzarci a cambiare le nostre abitudini di piacere.

Perché proseguire con l’autoerotismo anche quando si entra in una relazione è fondamentale? Innanzitutto, come sottolineato poco fa, si tratta di due rapporti sessuali diversi: uno con noi stess*, l’altro con uno o più corpi al di fuori del nostro. Le due situazioni non sono collegate, non competono l’una con l’altra e tantomeno vogliono farsi le scarpe. Si tratta appunto di due situazioni distinte. Se pensate che masturbarsi equivalga ad un tradimento del partner, allora vi pongo la seguente domanda: credete quindi anche che fare sesso con qualcuno sia come tradire voi stessi e le vostre pratiche private di autoerotismo?

Mantenere un rapporto di piacere esclusivo con il proprio corpo ci aiuta a mantenere una profonda connessione con noi stess* e il nostro piacere. Nessuno conoscerà mai il nostro corpo come lo conosciamo noi, neanche le persone più esperte a letto. Perché vietarsi un tale rapporto solamente perché entra in gioco qualcun altro? A volte, si smette di farlo perché l’altra persona teme che, masturbandosi, il/la partner preferirà questa pratica al sesso di coppia, che apprezzerà un sex toy più del suo pene/vagina o che fingerà di provare piacere quando poi saranno insieme. Sicuramente queste dinamiche non sono impossibili, ma hanno ben poco a che fare con la masturbazione, e invece molto a che vedere con la mancanza di confronto e comunicazione tra le parti. Se, ad esempio, ci si trova a desiderare esclusivamente l’autoerotismo, rifiutando ogni volta il/la partner e il rapporto sessuale con loro, non bisogna incolpare subito la masturbazione, ma avviare invece un dialogo onesto e aperto (e eventualmente, come consiglio praticamente a chiunque, intraprendere un percorso di terapia di coppia con un* psicosessuolog*).

Masturbarsi anche quando non si è più single ha molti benefici, oltre a quelli esposti nell’articolo precedente: può aiutare a guidare meglio l’altra persona nella scoperta del nostro corpo e nella ricerca del piacere, soddisfare i nostri bisogni quando siamo sol* o quando il/la partner non è disponibile, per svariate ragioni (stanchezza, malattia, mancanza di desiderio, …), e ci permette di mantenere saldo il rapporto con il nostro piacere individuale. Ci tengo anche a sottolineare che la masturbazione in una relazione può anche prendere una piega doppiamente interessante: perché non farlo ogni tanto davanti all’altra persona, mostrando come proviamo piacere e dove ci piace essere stimolat*? Sarà un’occasione per imparare e godere allo stesso tempo di ciò che avverrà davanti ai nostri occhi: il/la partner che si lascia andare ad un piacere che si procura da sol*, mostrandocelo senza vergogna.

Apriamo una parentesi di esperienza personale: anni fa, quando ho avviato la relazione con il mio partner, ho subito cercato di masturbarmi il meno possibile. Eravamo entrambi inesperti e temevo che il mio piacere personale potesse sminuire quello che provavo con lui. Se passavamo un periodo in cui non potevamo vederci molto, entrambi cercavamo di non masturbarci (inutile dire che la volontà crollava in breve tempo). Col passare dei mesi, abbiamo iniziato a capire che una cosa non andava a ledere l’altra, che i due rapporti di piacere non si danneggiavano a vicenda. Ci piaceva masturbarci e allo stesso tempo amavamo i nostri rapporti sessuali di coppia. Non c’era nulla che non andasse. Ormai, quando capita, ce lo diciamo a vicenda, senza problemi. Se un* ha un desiderio molto forte e l’altr* no, suggeriamo senza timore la masturbazione. Abbiamo trovato un ottimo equilibrio tra le due situazioni, ed è una cosa assolutamente raggiungibile.

Qualche settimana fa, ho chiesto ai miei follower su Instagram se si masturbassero anche in una relazione con un* o più partner: 193 persone hanno votato “sì”, 5 hanno invece scelto “no”. Ho poi chiesto che specificassero le motivazioni dietro la loro risposta, per entrambe le opzioni di scelta del sondaggio. Se foste interessat* a proseguire la lettura, potete trovare la lista completa di risposte nella prossima pagina (il pulsante su cui cliccare è al fondo della pagina).

Spero davvero che abbiate trovato questo articolo utile e interessante. Come sempre, lo spazio per i commenti è aperto a chiunque abbia domande, dubbi o feedback da inviare. Se desiderate invece contattarmi privatamente, mi trovate su Instagram come @sessolopotessi o nella sezione Contatti di questo blog. Grazie per aver letto fin qui, ci vediamo la prossima settimana.

Buona sessualità a tutt*! ♥

Disclaimer: non sono una psicologa né una sessuologa, ma la sessualità è comunque una mia grande passione. Per domande, problemi o dubbi, suggerisco sempre di rivolgersi ad un esperto, rimanendo però sempre disponibile a scambiare con voi quattro chiacchiere sul tema.

3 pensieri su “Autoerotismo e relazioni

  1. laleggerezzadellanima ha detto:

    Oh, ma che bello trovarti anche qui 🥰 (ex Dark.soul.s_ su Instagram).. è interessante la masturbazione davanti al partner.. ma io mi sentirei troppo in imbarazzo, sarà che ho bisogno di privacy, e che non amo ancora abbastanza me stessa e il mio corpo da sentirmi libera anche davanti a lui.. come sempre complimenti, mi sto leggendo tutti gli articoli, che mi ero persa!

    Piace a 1 persona

    • sessolopotessi ha detto:

      Ma ciao! Sono pienamente d’accordo con te, non è una cosa che fa per tutt* e soprattutto bisogna sentirsi a proprio agio. Farlo forzatamente sarebbe controproducente e toglierebbe il bello della scoperta del momento condiviso. Grazie per aver commentato 💕

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...